<img height="1" width="1" style="display: none" src="https://www.facebook.com/tr?id=208437340242596&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Euclidea

Come iniziare a investire: le 4 domande (e le risposte) utili

Tra le varie domande e le risposte utili per investire bene ne abbiamo scelte 4 che ti aiutano a partire con il piede giusto, ma non solo.

Infatti chiedersele anche a distanza di tempo è utile per mantenerti in linea con le tue caratteristiche e con le tue necessità. 
Non importa che il tuo patrimonio sia grande o piccolo, che tu sia o no esperto: sono sempre valide come guida per scegliere il modo di investire più adatto a te, organizzarlo e controllarlo.


1) Qual è il tuo obiettivo?

Ognuno di noi ha i propri obiettivi di vita. Spesso però non riusciamo ad immaginarli come obiettivi per cui è indispensabile risparmiare e, se risparmiare non è sufficiente, investire per fare crescere il patrimonio.
In ogni caso sono proprio i nostri obiettivi, a breve termine o a lungo termine che siano, a indicarci molte delle scelte necessarie per raggiungerli.
Accumulare un capitale per una bella e meritata vacanza, ad esempio, richiede un percorso (un piano finanziario) ben diverso da quello che ti serve per aprire un mutuo per la prima casa, cambiare l’auto o mandare all’università figli o nipoti.
Tanti sono gli obiettivi e molti possono essere più ambiziosi da raggiungere se si inizia tardi a risparmiare e investire: molto meglio definirli il prima possibile e iniziare presto a risparmiare e investire per raggiungerli.


2) Quando avrai bisogno dei tuoi soldi?

Che durata hanno i tuoi obiettivi? La durata dei tuoi investimenti deve essere la stessa.
La conseguenza è che il tipo di investimenti che scegli deve essere adatto a questa durata.
Non ha senso usare uno “strumento finanziario” in grado di dare un rendimento alto ma fronte di elevate oscillazioni se i tuoi soldi ti servono, ad esempio, tra meno di cinque anni.
Se il tuo orizzonte temporale è breve, due tra le alternative più diffuse e utili sono:

  • conto deposito: una soluzione buona per chi vuole parcheggiare i propri risparmi e ottenere un rendimento diverso da zero. Tra i limiti di questa soluzione ci sono rendimenti bassi, rischi elevati in caso di fallimento della banca che lo offre e in caso di patrimoni oltre i 100.000 euro.
  • Portafoglio di investimenti a basso rischio: un portafoglio con esposizione nulla o molto bassa ad azioni e ben diversificato è forse l’alternativa più intelligente.
    I rischi da evitare? Che abbia costi eccessivi e troppi “prodotti della casa”, cioè strumenti finanziari di chi lo offre con evidente conflitto di interesse.


Quando hai bisogno dei tuoi soldi? Ripetiamo: è questa la domanda giusta da farti.
Come vanno i mercati e l’economia, invece, sono aspetti fuorvianti e non qualcosa che deve cambiare le tue decisioni durante il percorso: mantieni la rotta definita per i tuoi obiettivi e farai sempre la cosa giusta.

Se invece decidi di investire per obiettivi di più lungo temine, puoi considerare invece:

  • azioni: sono l'investimento nell'economia reale, con cui partecipi all’attività e ai risultati economici di un’azienda;
  • obbligazioni: attraverso le quali presti soldi ad un’azienda o ad uno Stato per un periodo di tempo, in cambio interessi su questo prestito.
  • ETF e fondi attivi: investimenti diversificati in azioni, obbligazioni o entrambe queste attività finanziarie, che replicano l’andamento di un indice di borsa (lo Standard&Poor’s 500, ad esempio) o sono scelti discrezionalmente da un gestore professionale. O ancora una gestione patrimoniale in fondi di investimento.

Vediamo tra poco qualche considerazione su queste diverse alternative
In ogni caso serve seguire gli investimenti con cura, per intervenire o fare intervenire altri professionisti quando è necessario, evitando costi inutili e ribilanciando il portafoglio perché rimanga in linea con i tuoi obiettivi, senza subire passivamente l’andamento dei mercati finanziari.

 

3) Quanto puoi sopportare gli alti e i ribassi dei mercati?

Tutti pensiamo di avere autocontrollo, di essere scrupolosi e mantenere la calma che serve per affrontare le oscillazioni dei mercati finanziari.
Ma come reagiremo quando, ad esempio, i mercati correggeranno del 20%?

Le oscillazioni sono una condizione normale dei mercati, anche quelle molto ampie. Infatti i mercati sono influenzati dalle decisioni delle persone che vi investono e le persone sono più emotive che razionali.
Questa emotività può spingere a prendere decisioni sbagliate, cattive per noi e per i nostri risparmi. Quindi è importante sapere sin da subito conoscere i propri limiti di tolleranza.

Le correzioni sono importanti opportunità di investimento se puoi e sai sfruttarle.
Preferisci non avere grandi scossoni per i tuoi risparmi e preferisci la stabilità al rendimento? Scegli un profile di investimento basso (basso rischio e basso rendimento).
Se viceversa hai come obiettivo la crescita del tuo patrimonio e sei in grado di affrontare ribassi importanti per ottenerla, anche investimenti più dinamici sono adatti al tuo profilo.


4) Quanto vuoi occuparti dei tuoi investimenti?

Difficilmente le cose sono bianche o nere e in questo caso di sfumature di grigio ce ne sono molte.
Possiamo comunque rispondere dicendo che ci sono sostanzialmente tre tipi di comportamenti:

 

 

Essere consapevole di quanto vuoi partecipare alle scelte dei tuoi investimenti ti permette di sapere se hai bisogno di una squadra che ti aiuti a raggiungere i tuoi obiettivi. E anche di che tipo di squadra di professionisti.
Se preferisci avere il supporto di un professionista, gestore e/o consulente indipendente, Euclidea ti offre tutta la qualità di una gestione che unisce esperienza umana e forza della tecnologia.
Il nostro obiettivo è farti raggiungere i tuoi, dandoti se vuoi anche una continua assistenza che si evolve con le tue esigenze e le tue priorità, ma sempre senza conflitti di interesse tipici del risparmio gestito.

Scarica il Manuale del risparmiatore

Ricevi subito le 4 domande da fare al tuo consulente per dare valore ai tuoi soldi.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Che profilo di investitore sei? Tre esempi più uno

Approfondisci

Navigare la volatilità dei mercati: 5 cose da fare per affrontarla

Approfondisci

Costi e performance dei fondi: l'ESMA racconta i problemi e come evitarli

Approfondisci
Leggi Tutti