<img height="1" width="1" style="display: none" src="https://www.facebook.com/tr?id=208437340242596&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Team Investimenti

La Cina, l'inflazione globale e i portafogli Euclidea

L’estate è trascorsa tranquilla e ci si avvicina velocemente all’ultimo trimestre del 2021.
Da inizio anno la differenza più notevole è quella tra la performance dei mercati azionari sviluppati e quelli emergenti.
Ciò è accaduto soprattutto a causa di una serie di modifiche regolamentari in Cina che, sebbene possano essere fruttiferi a lungo andare, hanno causato perdite di valore considerevoli in molteplici settori.

 

La Cina si trova anche in un momento delicato che riguarda sia un calo della crescita (potrebbe essere negativa nel terzo trimestre), sia problemi per alcuni conglomerati del real estate, causati dal rallentamento delle vendite e da un indebitamento eccessivo.
Il lato che si mantiene solido è quello dell’export (+25% dall’anno scorso), aiutato anche dalle dinamiche del Covid-19.

 

Bisogna però bisogna sempre tenere a mente che ritenere ancora la Cina un Paese emergente può essere fuorviante (come dichiarato da BlackRock, che intende triplicare i propri investimenti in Cina).
Lo testimonia anche un indice riportato dall’Economist, che esplicita il potere economico globale in funzione del GDP, del commercio e dei flussi di capitale verso l’estero.

 

Cina potenza economica                                                                                                                                                                                  Fonte: The Economist

 

L’altro tema saliente dell’estate è stato l’andamento dell’inflazione.
I dati sia in America che nel resto del mondo si mantengono sostenuti, quasi ovunque ben al di sopra del 3%, un valore che non si registrava da decenni.

Ad una analisi più attenta si può osservare che l’inflazione è presente in varie metriche, ma quando si escludono le variazioni dei beni che più si sono mossi di prezzo l’andamento è più contenuto (la “trimmed-mean” esclude proprio questi movimenti estremi).
Quindi si tratterebbe di un fenomeno presente, ma non diffuso a tutte le categorie.
E potrebbe essere l’indizio di un fenomeno temporaneo.

 

Inflazione Usa

                                                                                                                                                                                  Fonte: The Economist

 

E' fuori di dubbio che il Covid abbia giocato un ruolo importante.
Ad esempio lo si vede immediatamente nell’incremento stellare del costo di spedizione dei container che è quasi quadruplicato, a testimonianza dell’impatto asimmetrico sui vari settori dell’economia.

 

Costi di trasporto marittimo

                                                                                                                                                                                  Fonte: The Economist


Cambiamenti ai portafogli

In questo ribilanciamento non abbiamo apportato modifiche di rilevante entità ai portafogli.
Continuiamo a mantenere una esposizione neutra all’azionario e a preferire l’Asia ai mercati azionari statunitensi.
Abbiamo reintrodotto un fondo azionario globale per favorire un approccio di stock-picking meno influenzato da logiche geografiche.

La parte azionaria è quindi ora composta da tre strategie: una ad impronta geografica, una ad impronta settoriale e l’ultima appena menzionata più guidata dallo stock picking.

Sul versante obbligazionario non sono state necessarie particolari modifiche, vista anche la discreta performance dei titoli di credito.

Portafoglio di investimento su misura

Scopri il profilo più adatto ai tuoi obiettivi in tre semplici passi.

Effettua una simulazione

Altri articoli che potrebbero interessarti

Le novità su inflazione, valute, titoli high yield e scelte di portafoglio

Approfondisci

I portafogli a marzo tra inflazione attesa, asset allocation e rotazione settoriale

Approfondisci
Leggi Tutti